Incentivi e agevolazioni per le Imprese Italiane

A causa della situazione attuale, il governo italiano si è mosso alla ricerca di soluzioni riguardanti le imprese italiane che sono state costrette a fermare le attività per prevenzione da Covid-19. Queste soluzioni non sono altro che incentivi e agevolazioni in modo tale da risollevare o per lo meno aiutare economicamente le imprese italiane.

A questo proposito è nato il Nuovo Decreto Coronavirus Agevolazioni e Incentivi. E nasce proprio con l’unico scopo di aiutare tutte quelle imprese che stanno subendo sgravi economici e che sono state costrette a sospendere tutte le attività. Ma non è tutto, il Nuovo Decreto va ad aiutare anche le famiglie e i lavoratori italiani.

Vediamo più nel dettaglio questo decreto e in quale modo aiuterà le aziende:

Innanzi tutto, tutti i datori di lavoro che hanno la sede operativa aziendale nella cosiddetta “Zona Rossa” hanno pieno diritto ad accedere a queste agevolazioni. La prima riguarda una proroga nei versamenti in scadenza, ovvero essi verranno posticipati al 30 aprile, mentre le cartelle di pagamento emesse da agenti della riscossione, gli avvisi di addebito da enti previdenziali e assicurativi, gli atti di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle dogane, gli atti di accertamento esecutivi emessi da enti locali per entrate tributarie e patrimoniali, “rottamazione-ter” e “saldo e stralcio” verranno posticipate al 31 maggio.

Sono previste anche le sospensioni delle bollette di acqua, luce e gas fino al 30 Aprile, con la possibilità di richiedere il pagamento a rate. Inoltre, è possibile richiedere una la sospensione dei mutui agevolati concessi alle imprese per 12 mesi.

Tutte queste decisioni sono state prese al fine di alleggerire a livello economico le spese degli imprenditori e delle famiglie italiane, nella speranza che la situazione possa risollevarsi il prima possibile e che possa evitare di recare gravi danni ai singoli.

Aiuti alle imprese

Gli aiuti alle imprese, ad ogni modo, sono parecchi.

  • In particolare, esse hanno diritto all’incremento del Fondo di garanzia PMI con garanzia della priorità della concessione del credito a quelle operanti nella “zona rossa”, per la durata di 12 mesi. Questo tipo di concessione è del tutto gratuita con un massimo importo per ogni singola impresa pari a 2,5 milioni e con copertura massima pari ad uno 80% nel caso di interventi di garanzia diretta e del 90% in caso di riassicurazione. Ad ogni modo queste agevolazioni possono anche comprendere il territorio limitrofo alla “zona rossa” se le aziende in quella zona dovessero aver subito gravi danni e siano state colpite in modo eccessivo dalla situazione Covid-19.
  • Inoltre, sono previste sospensioni delle rate dei mutui per immobili residenziali di tutti quei lavoratori che sono stati costretti a sospendere il lavoro o hanno ridotto l’orario lavorativo per almeno 30 giorni.
  • Smart working, ovvero lavoro da casa, al fine di continuare le attività lavorative per tutti quei dipendenti in grado di gestire il lavoro anche stando a casa.
  • É stato previsto un incremento di 350 milioni di euro di fondi destinati a sostenere le aziende che gestiscono attività di esportazione.
  • L’estensione della validità delle tessere sanitarie e della Carta Nazionale dei Servizi.
  • In caso di malattia con ricovero ospedaliero o malattia causata da Covid-19, i dipendenti avranno comunque diritto alla retribuzione.
  • Successivamente, è stata approvata la possibilità di sostenere l’esame di stato a tutti i neolaureati in discipline mediche al fine di poter iniziare immediatamente l’esperienza sul campo e dare gli aiuti necessari.
  • È stata data anche la possibilità agli studenti di non perdere l’anno scolastico in corso, nonostante gli istituti scolastici non abbiano raggiunto le 200 ore di lezione obbligatorie.
  • É stata prevista l’estensione del regime fiscale delle donazioni di alimenti e di altre merci (come abbigliamento e tecnologie…).
  • Infine, per il settore turismo e agenzie di viaggio è stata indetta una sospensione del versamento di contributi previdenziali e ritenute fiscali al 31 Marzo, e la possibilità di fare buoni o restituire compensi a tutti i clienti che già avevano prenotato e che poi sono stati costretti ad annullare il proprio viaggio.
Martina Belmondo
Info su Martina Belmondo 62 Articoli
Laureata in Economia Aziendale, classe 1987, Martina dirige la redazione di Inprestiti.com da giugno 2015. Ama gli animali e gli sport estremi.