PMI E NUOVE FRONTIERE: ecco cosa sono le Piccole e Medie Imprese Innovative

PMI E NUOVE FRONTIERE: ecco cosa sono le Piccole e Medie Imprese Innovative
Vota questo articolo

inSono state introdotte dal D.L. 24 gennaio 2015, n.3, convertito in l.24 marzo 2015, n.33 e possiedono una disciplina ad hoc che ne delinea le caratteristiche. Si chiamano piccole e medie imprese innovative e sono imprese che possiedono alcuni requisiti speciali. Soggette a modifiche intervenute durante l’iter di conversione del decreto, le PMI innovative finiscono per essere definite come quelle piccole e medie imprese, ossia imprese che occupano meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro oppure il cui totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di euro, che sono costituite come società di capitali o cooperative e sono dotate di alcuni requisiti tra i quali la sede produttiva o filiale in Italia, la certificazione dell’ultimo bilancio redatto da revisori contabili e l’assenza di iscrizione nel registro previsto per le start-up innovative.

Riunite in una sezione speciale del registro delle imprese, le PMI innovative che intendano definirsi tali, possono iscriversi inoltrando domanda in formato elettronico.

Tra i requisiti anche quello di destinare un volume di spesa in ricerca, sviluppo e innovazione in misura uguale o superiore al 3% della maggiore entità tra costo e valore totale delle produzione; di impiegare dipendenti che possiedano il titolo di dottorato di ricerca presso un’università italiana o straniera o siano titolari di almeno una privativa industriale relativa a un’invenzione biotecnologica; di non avere le proprie azioni quotate in un mercato regolamentato; di non essere iscritte nel registro speciale previsto per le stat-up innovative e l’incubatore certificato.

Da aggiornare ogni anno entro il 30 giugno, le informazioni relative ai requisiti per l’iscrizione alla sezione speciale del registro delle imprese riguardano soprattutto il mantenimento dei requisiti  o la perdita degli stessi.

Tra i vantaggi anche incentivi fiscali in favore di quelle persone fisiche o giuridiche che intendano investire nel capitale sociale delle PMI innovative costituite dal almeno 7 anni, e quelle che operano sul mercato da un tempo più lungo e che presentano un piano di sviluppo dei prodotti, servizi e processi nuovi o migliorati rispetto allo stato iniziale.

Martina Belmondo
Info su Martina Belmondo 51 Articoli
Laureata in Economia Aziendale, classe 1987, Martina dirige la redazione di Inprestiti.com da giugno 2015. Ama gli animali e gli sport estremi.