Giovani: come fare per richiedere un finanziamento o prestito?

Giovani: come fare per richiedere un finanziamento o prestito?
5 (100%) 1 voti

Non esiste una regola comune per quei giovani che intendono richiedere un finanziamento erogato da una banca o da un istituto finanziario specializzato ( le cosiddette finanziarie ) attraverso i quali ricevono una somma di denaro e si impegnano a restituirla in maniera rateale entro un determinato periodo.

I finanziamenti  possono essere di “liquidità” cioè con utilizzo libero da parte del percettore che quindi li può utilizzare a suo piacimento, oppure finanziamenti di “scopo” cioè finalizzati , ad esempio l’acquisto di un’autovettura, di una casa, ecc.

È buona norma tenere presente che l’ottenimento di un finanziamento prevede l’applicazione , durante  la durata dello stesso, di interessi che possono essere fissi, quindi immutati fino alla chiusura del finanziamento, oppure variabili, quindi soggetti alla variazione dei tassi di interesse del mercato finanziario.

REQUISITI PER OTTENERE UN FINANZIAMENTO

Come riportato al paragrafo precedente, ogni banca e istituto finanziario  sceglie propri criteri nel rispetto naturalmente delle norme imposte dalla Banca d’Italia. Può essere richiesto , normalmente, da coloro che hanno un’età compresa fra 18 e 70 anni (anche se sul limite massimo ci possono essere delle eccezioni), e viene concesso a chi abbia la cosiddetta ” capacità di rimborso” che dovrà tener conto di tutti gli impegni del richiedente quali ad esempio altri finanziamenti, affitti, bollette, ecc…

Bisogna  dimostrare la “capacità di rimborso”  mediante la documentazione reddituale e cioè busta, modello  dichiarazione dei redditi 730, o Unico.

In caso che il richiedente non abbia un reddito che il concedente ritiene accettabile, viene richiesta una garanzia (fideiussione ) di una terza persona che si impegnerà a pagare qualora il debitore risulti

CASI DI FINANZIAMENTO NON CONCESSO

Oltre alla mancanza di “capacità di rimborso “,  il finanziamento non viene concesso quando il richiedente abbia in essere altri finanziamenti che , in uno con l’attuale richiesta, andrebbero ad impegnare oltre un TERZO del reddito.

La richiesta può essere rifiutata se in passato il richiedente ha subito protesti o ritardi nei pagamenti di altri finanziamenti. Tale ricerca viene eseguita tramite la consultazione della Centrale dei Rischi . L’eventuale diniego , l’ente che lo ha negato, informerà il richiedente con particolare riguardo agli elementi negativi trovati nella banca dati. (Centrale dei Rischi)

TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTO PER GIOVANI

Vediamone alcune:

ACQUISTO E RISTRUTTURAZIONE  PRIMA CASA GIOVANI COPPIE : agevolazione Fondo Casa tramite lo Stato.

  • Il Fondo Casa permetterà di ottenere un mutuo anche a coloro che non hanno le garanzie solitamente richieste dalle banche.
    I destinatari sono appunto le giovani coppie : l’importo massimo ottenibile e’ pari al 50% della quota capitale con un massimo di euro 250.000 e può essere utilizzato sia per l’acquisto di un immobile, sia per la ristrutturazione ed anche per interventi di miglioramento energetico. La domanda va presentata presso gli istituti bancari che aderiscono all’iniziativa (praticamente quasi tutti). Importante specificare che non esistono vincoli di metratura dell’immobile ma solamente che lo stesso non deve rientrare nella tipologia “di lusso”.
  • Altro elemento da sottolineare è che le condizioni applicate sono sicuramente molto allettanti per i richiedenti in quanto e’ presente la garanzia del 50% dello Stato.
  • Ma come si attiva la Garanzia e quando ?
  • La Garanzia interviene quando il richiedente o i richiedenti non riescono più a pagare le rate del finanziamento, naturalmente dopo aver coperto la loro quota è cioè il 50%: in questo caso si attiva la garanzia che mediante il Ministero provvede all’emissione di cartelle esattoriali per il recupero integrale di quanto non pagato.

FINANZIAMENTO PER APERTURA NUOVA ATTIVITÀ

  • I giovani che voglio sviluppare una idea per la successiva trasformazione in un progetto imprenditoriale hanno la possibilità di utilizzare incentivi e servizi forniti da INVITALIA , società di proprietà del Ministero dell’Economia , per la creazione di nuove imprese, startup di aziende innovative e formazione specialistica. Particolare attenzione viene riservata alle aziende che si occupano di economia digitale.
  • La disponibilità di servizi di orientamento e incentivi finanziari è riservata ai giovani fino a 35 anni.
  • A titolo esemplificativo si segnalano:
  • “Nuove imprese a tasso zero” : incentivazione per giovani e donne che vogliono diventare imprenditori, validità Italia intera con finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa fino a 1,5 mln con copertura massima del 75% delle spese ammissibili totali;
  • Smart&start Italia ” appoggia la nascita e crescita delle startup innovative in tutta Italia mediante finanziamenti tra 100.000 e 1,5 mln euro. Domanda da presentare unicamente on line.
  • Selfiemployment, mediante l’utilizzo di finanziamenti a tasso zero per mette l’avvio di piccole imprese, programma gestito da Invitalia sotto la supervisione diretta del Ministero del Lavoro.

FINANZIAMENTO GIOVANI DONNE

  • Requisiti preminenti : società  costituite sotto forma di società e società cooperative, fondate da non più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione,  i soci debbono essere donne.
  • Possono ottenere un finanziamento a tasso zero per gli investimenti con restituzione del capitale a rate semestrali con scadenza fissa al 31/5 e 30/11 di ogni anno entro 8 anni.Per la concessione del finanziamento e’ prevista una copertura con mezzi propri pari al 25% delle spese totali complessive.
  • I settori finanziabili , di importo non superiore a 1.500.000 euro, riguardano la fornitura di servizi, commercio e turismo, innovazione sociale, trasformazione di prodotti agricoli  tranne le attività per la preparazione degli animali il vegetale alla prima vendita.
  • Gli investimenti devono essere realizzati entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, con proroga massima di mesi 6.
  • Resta comunque la facoltà del Ministero dell’Industria stabilire le priorità di intervento dei settori.
  • Vengono ammesse all’agevolazione del finanziamento a tasso zero i costi sostenuti per l’investimento con decorrenza data in cui viene presentata la domanda o da quando è costituita la nuova società.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO

Quando presentare le domande? I tempi per l’inizio e la fine delle domande di finanziamento a tasso zero, sono decisi da specifico provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico  e viene pubblicato sul sito INVITALIA, da presentare in via telematica. 

Riccardo Forti
Info su Riccardo Forti 21 Articoli
Riccardo Forti è nato a Seborga, in provincia di Imperia, nel 1977. Da sempre appassionato e studioso del settore finanziario, si è laureato in Economia a Genova nel 2002. Collabora con importanti riviste di settore e dal 2009 è papà di due splendidi gemelli: Marta e Francesco.